ALLEGATO A

PRESENTAZIONE DEL COORDINATORE DELLA

ZONA PASTORALE CITTA'

DON VALERIO BERSANO

 

         All'ultima assemblea presbiterale convocata per giovedì 3 aprile 2014, era previsto come terzo punto all'ordine del giorno, una presentazione (da parte dei quattro coordinatori delle zone pastorali della diocesi) intorno ad alcuni temi pastorali:

1.   l'Iniziazione Cristiana;

2.   la preparazione ai sacramenti del battesimo e del matrimonio;

3.   la catechesi con le famiglie che accompagnano i figli (da 0 a 6 anni).

 

         Premesso che nella riunione della zona pastorale Alessandria (o zona Città), convocata per il 16 gennaio c.a., era stata presentata ai 17 parroci una scheda di venti domande quale tentativo per una “mappatura” delle iniziative presenti nelle varie comunità parrocchiali, a partire da questa, è stato possibile offrire una lettura generale su questi temi.

 

         Intorno all'Iniziazione Cristiana appare subito un quadro molto variegato:

 

-       in 8 parrocchie il cammino di preparazione ai sacramenti (Confermazione e 1a Eucaristia) prevede un percorso di quattro anni, indipendentemente dall'età dei ragazzi;

-       in tre parrocchie questo cammino si sviluppa in 3 anni soltanto;

-       due parrocchie celebrano i due sacramenti secondo le modalità di un tempo, cioè separandoli e invertendoli: prima Eucaristia e Confermazione (non è stato specificata la durata);

-       quattro parrocchie non hanno risposto (o non hanno compreso la domanda).

 

         La preparazione al sacramento del battesimo segue questa modalità:

14 parrocchie in città propongono 1-2 incontri con i genitori (alcune parrocchie anche quattro incontri, a seconda del tipo di famiglie che chiedono il battesimo per il figlio/a, e a seconda che la famiglia sia giunta da poco in parrocchia… E' stato fatto notare quanto sia preziosa questa opportunità di conoscenza). La maggior parte degli incontri avvengono esclusivamente col parroco, alcune volte con il coinvolgimento di una coppia di sposi che affianca il parroco, o da parte di una catechista.

Tre parroci hanno ammesso di non fare alcun incontro di preparazione.

 

         La preparazione al sacramento del matrimonio si è rivelata critica, per la maggior parte delle comunità:

·        tre parrocchie offrono ai fidanzati (o coppie conviventi) tre incontri con il parroco;

·        una parrocchia prevede un incontro col parroco (è l'istruttoria matrimoniale);

·        una invita le coppie all'incontro sulla Parola di Dio, ma senza offrire un accompagnamento specifico;

·        una parrocchia organizza una volta l'anno sette/otto incontri (con una piccola equipe: parroco e una/due coppia/e di sposi);

·        una parrocchia segue un cammino annuale distribuito in dieci incontri (dieci domeniche – una al mese - con la celebrazione dell'Eucaristia con la comunità parrocchiale, la condivisione a partire dal materiale consegnato preventivamente. Ogni incontro si conclude col pranzo condiviso);

·        cinque parrocchie inviano le coppie ad incontri organizzati in altre comunità;

·        5 parrocchie non rispondono (molto probabilmente non organizzano nessun incontro e non conoscono chi offre incontri di preparazione).

 

         Come ultimo punto, è stato chiesto se vi sono incontri con famiglie aventi bambini da 0 a 6 anni:

·        risultano attualmente 14 parrocchie che non hanno nemmeno tentato un cammino;

·        una parrocchia propone 5-6 incontri l'anno, proponendo una lettura biblica offerta agli adulti (mentre è offerto un servizio di baby-sitteraggio);

·        una parrocchia propone ogni mese un incontro con i genitori i cui figli non hanno ancora l'età per partecipare alla catechesi;

·        una parrocchia propone l'incontro mensile la domenica pomeriggio (da novembre a maggio), con incontro formativo agli adulti e gioco/attività coi bambini sul tema svolto dai genitori. Si conclude con la merenda e un piccolo segno per i bambini presenti.

 

         A conclusione di questa “lettura” della situazione pastorale in zona città, sono state espresse le seguenti richieste:

Che l'ufficio/servizio diocesano per la catechesi, sia ancora più accanto alle parrocchie e ai parroci, così da favorire una maggiore formazione da parte dei catechisti i quali, impegnati nelle loro comunità, possano dedicarsi all'accompagnamento degli adulti... E' fondamentale che i parroci credano di più alle iniziative che il servizio per la catechesi già propone, in particolari momenti dell'anno (tali percorsi vedono solo una piccola partecipazione di catechisti e, quasi la completa partecipazione dei parroci stessi).

 

La preparazione al matrimonio richiede una motivazione in più nelle realtà parrocchiali (se sono scarse le iniziative in vista della celebrazione del matrimonio, quale convincimento può esserci per accompagnare i giovani sposi all'interno della propria comunità cristiana, dopo la celebrazione del sacramento? Quale testimonianza possono dare gli sposi se è ancora così timida la catechesi pensata esclusivamente per gli adulti?). Si chiede che l'ufficio diocesano per la pastorale familiare, oltre alle iniziative legate a conferenze sui temi della famiglia (=martedì di quaresima), sia aggiornato sui percorsi di preparazione in tutte le zone pastorali, così da orientare le coppie di fidanzati (e i parroci, magari con l'invio di una scheda informativa). Si propongano inoltre giornate per le famiglie (momenti di ritiro e aggiornamento) e presentazione dei vari movimenti di spiritualità per coppie com “Equipe Notre Dame” ed altro. Potrebbero esserci iniziative legate ai temi del “dialogo nella coppia”, di come educare i figli in caso di separazione, sull'insegnamento della Chiesa di fronte alla fecondazione assistita, così come esperienze intorno all'adozione e all'affido di minori, ecc.